Sesto chakra: Agnya

  1. Home
  2. /
  3. Approfondimenti
  4. /
  5. Chakra
  6. /
  7. Sesto chakra: Agnya

Il chakra dell’Agnya ha due petali che corrispondono ad ego e superego. È situato all’incrocio dei nervi ottici, che controllano i bulbi oculari, nel chiasma ottico ed è conosciuto anche come “terzo occhio”. Esso è situato al punto di incrocio dei canali di destra e sinistra ed è collegato agli altri centri sottili attraverso il midollo allungato.

L’incessante attività mentale con pensieri rivolti al passato o al futuro può proiettare la nostra attenzione verso l’esterno, alimentando in noi un senso di separazione e divisione, generando una visione relativa del mondo in cui ogni cosa trova un suo antagonista: io e l’altro, il bene e il male, il piacere e il dispiacere, passato e futuro, etc.

Quando la kundalini viene risvegliata, riporta progressivamente in equilibrio i due emisferi dell’ego e del superego: la nostra attenzione viene quindi attratta verso l’interno e si inizia a percepire l’integrazione con il tutto.

Le qualità principali di questo centro sono la capacità del perdono e una attitudine genuinamente compassionevole nei confronti degli altri. Per migliorare questo centro è importante quindi “perdonare” tutto quello che ci disturba oppure ciò che non è come noi vorremmo che fosse.

La meditazione è un ottimo modo per sbloccare ed aprire questo chakra: per coloro che pensano in modo eccessivo oppure che sono molto reattivi è consigliato meditare anche per un tempo esteso, finché la mente gradualmente non si tranquillizzi.

L’elemento che entra in risonanza con l’Agnya chakra è la luce.

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su digg
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email